Tecnologia

Scaricare da internet velocemente: i file Torrent!

Negli ultimi tempi, un numero sempre più nutrito di persone, si lamenta della lentezza dei download con client come eMule, Kazaa, Shareaza, ecc. Questo perché in effetti, il gito di vite resosi necessario per contrastare il fenomeno della pirateria informatica, ha di fatto dato il via ad un iter di smembramento di quella che era l'infrastruttura dei server localizzati nelle varie nazioni europee e non, che arrivavano a contenere anche milioni di file che violavano il copyright. A tal proposito vorrei ricordare che il download di tali materiali è ILLEGALE e pertanto perseguibile a norma di legge. Resta però legale il download di materiale privo di copyright e pertanto mi sembra opportuno trattare questo argomento (non che quello che vi dirò non funzioni anche con materiali illegali ma in tal caso il tutto sta alla vostra coscienza). La chiusura di molti server e i rumors circa l'eventuale presenza di "server spia" ha spinto molti utenti ad abbandonare questi vettori P2P (nonostante su eMule resti valida l'opzione messa a disposizione dalla rete di utenti chiamata Rete KAD, che non si interfaccia con alcun server) e ad affidarsi ad un qualcosa di diverso: il BitTorrent. Facciamo quindi un po' di chiarezza...

Suddividiamo l'argomento in parte teorica e parte pratica. Naturalmente chi più di Wikipedia può aiutarci per la parte teorica? Eccovi un estratto che servirà a farvi capire di cosa stiamo parlando: "Il BitTorrent è un protocollo P2P (Peer to Peer) finalizzato alla distribuzione e condivisione di file nella rete. Differentemente dai tradizionali sistemi elencati all'inizio dell'articolo, l'obiettivo di questo protocollo è realizzare e fornire un sistema efficiente per distribuire lo stesso file verso il maggior numero di utenti disponibili che lo stiano prelevando (download) o lo stiano inviando (upload). Si tratta quindi di un meccanismo per coordinare in automatico il lavoro di numerosi computer, ottenendo il massimo beneficio possibile per tutti. BitTorrent permette di distribuire file di qualsiasi tipo. Il documento originale viene spezzettato in tanti piccoli frammenti, che poi saranno ricomposti a destinazione dal client che gli utenti installeranno sul proprio computer. Per poter usufruire del sistema è quindi necessario, prima di tutto, prelevare un file caratterizzato dall'estensione .torrent. Di ridotte dimensioni, tale file svolge la funzione di indice, con la descrizione di tutti i pacchetti in cui è stato suddiviso il file originale. Inoltre contiene l'indirizzo URL di uno o più tracker (server traccia) utilizzato per localizzare le sorgenti che posseggono il file o parte di esso. Il tracker si occupa di coordinare i rapporti fra utenti richiedenti il file e quelli che lo offrono. Solitamente, i siti tracker forniscono anche delle statistiche sul numero di trasferimenti, il numero di nodi che hanno completato la copia del file ed il numero di nodi che ne posseggono una copia parziale. I partecipanti, dunque i nodi, dello scambio file si dividono in Seed e Peer: i Seed (in Italiano "Semi") sono quei nodi della rete costituiti da coloro che hanno già terminato il download e ora lo stanno solo inviando ad altri. I Peer non sono ancora in possesso del file completo e fungono sia da client, verso i seed, che da server, verso gli altri peer. Detto ciò, si può affermare che una volta ottenuta qualche parte di file, il nostro client provvederà automaticamente ad uplodarla (inviarla) verso altri peer che a loro volta contribuiranno alla diffusioni delle stesse parti verso altri client."
A questo punto passiamo alla parte pratica (che suppongo sia quella a cui siete maggiormente interessati). Per effettuare un qualsiasi dowload per prima cosa avrete bisogno di installare un software client. Ne ho provati molti e vi assicuro che, a mio modestissimo parere, il migliore è senza dubbio UTorrent (potete prelevarlo da qui). Una volta installato ed avviato vi renderete immediatamente conto che non implementa un sistema di ricerca file come eMule ad esempio. Questo perché, come abbiamo detto, il sistema non è connesso a nessun server e quindi non può effettuare ricerche. Quello che ci serve è il seme, ovvero il file .Torrent che contenga al suo interno le informazioni che il nostro client UTorrent sfrutterà per ricostruire il contenuto che vogliamo scaricare da Internet. Per questo motivo esistono i cosiddetti motori di ricerca che, comportandosi come il famoso Google, sono in grado di cercare il file di vostro interesse. Seguitemi in questo esempio (tanto per capire cosa dovrete fare). Supponiamo di voler scaricare da internet una versione del sistema operativo Linux Ubuntu (9.04). La cosa più semplice da fare è andare su Google e cercare:"ubuntu 9.04 torrent" (quando cercate qualcosa ricordatevi in questo caso di inserire sempre la parola chiave torrent dopo il nome della cosa che state cercando). Tra i primi risultati di Google compare questo. Se cliccate su download scaricherete il file .torrent del sistema operativo in questione. Come vedete la sua dimensione è piccolissima: non raggiunge neanche il kilobyte. Questo vuol dire che potrete averlo in meno di un secondo. Una volta salvato sul computer questo file, basterà fare due clic su di esso e UTorrent lo prenderà in gestione. Il dowload partirà quasi automaticamente e raggiungerà velocità talvolta impressionanti e soprattutto impensabili con i client P2P convenzionali. Una volta finito il download, troverete il vostro file dentro Documenti nella cartella Downloads (o in un'altra cartella se avete cambiato le impostazioni di UTorrent). Come vedete il procedimento è semplicissimo e si ottengono performance di gran lunga migliori rispetto a client quali eMule. I file .torrent possono essere ricercati anche in motori di ricerca creati ad hoc per tali file. Io consiglio di utilizzare Google però nel caso siate interessati eccovene un breve elenco:

1 - Btjunkie.org
2 - Torrentreactor.net
3 - Isohunt.com
4 - Speedpeer.org
5 - Mininova.org
6 - Torrentz.com

A questo punto non vi resta che provare. Fatemi sapere come vi siete trovati e se avete avuto qualche problema. In tal caso cercherò di darvi una mano. Buon divertimento e mi raccomando, vi invito ancora una volta a ricordare che il download di materiale protetto da copyright è illegale!

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Login

Ultime notizie

Tags popolari

Nessun tag trovato.