Tecnologia

NetStumbler: un tool per il monitoraggio delle reti wireless

NetStumbler è un applicativo freeware utilizzato per la ricerca tramite scansioni ripetute nel tempo (il periodo di scansione può essere scelto dall'utente) di WLAN (Wireless Local Area Network)...

Rilasciato per ambiente Windows, è semplice da usare ed include la possibilità di abilitare effetti sonori diversi in base alla distanza dei vari access point rilevati. In più permette la facile integrazione con un ricevitore GPS (Global Positioning System), collegabile tramite bluetooth al pc o al cellulare (esiste infatti la versione MiniStumbler per l'installazione su cellulari aventi scheda di rete wireless). E' possibile poi salvare file di log contenenti latitudine, longitudine e distanza degli access point individuati e visualizzarne la mappa su Google Earth tramite il GPS Visualizer. Le caratteristiche principali che ne fanno uno degli strumenti ad oggi più utilizzati nel campo del wireless sono la possibilità di: verificare che la propria rete sia configurata correttamente, trovare zone affette da bassa copertura wireless all'interno della rete, rilevare l'eventuale presenza di altre reti wireless nelle immediate vicinanze che possano causare interferenza occupando lo stesso canale, rilevare access point non autorizzati all'interno della propria area di lavoro, aiutare ad orientare eventuali antenne direzionali per collegamenti wireless a lunga distanza, rilevare e tracciare gli elementi all'interno di una WLAN. Tutte queste caratteristiche, ed il fatto di poter lavorare in simbiosi con il GPS, fanno di questo prodotto un applicativo indispensabile soprattutto per chi si occupa di WarDriving. Citando da Wikipedia:"Il wardriving" (composizione della sigla WAR (Wireless Access Revolution) e della parola driving intesa come guidando l'automobile) "è un'attività che consiste nell'intercettare reti Wi-Fi, in automobile, in bicicletta o a piedi con un laptop, solitamente abbinato ad un ricevitore GPS per individuare l'esatta locazione della rete trovata ed eventualmente pubblicarne le coordinate geografiche su un sito web. Per una miglior ricezione vengono usate antenne omnidirezionali. È necessario utilizzare un software specifico, quasi sempre di tipo libero, per diverse piattaforme: NetStumbler (Windows), KisMac (Macintosh), Kismet (GNU/Linux) e Ministumbler (PocketPC). Il wardriving in sé consiste nel trovare Access Point (AP) e registrarne la posizione. Alcune persone, invece, infrangono le scarse misure di sicurezza tipiche di queste reti per accedere ai file personali. Poiché nella maggior parte dei casi le reti wireless sono collegate ad Internet, molte persone si introducono in queste reti solamente per navigare gratis e ad alta velocità. In quest'ultimo caso il wardriving rientra nell'accezione più generica di thiefing. Secondo la normativa italiana è illegale procurarsi l'accesso ad una rete privata senza aver ottenuto un'esplicita autorizzazione". Per ulteriori e peraltro interessantissime informazioni su questo argomento, vi consiglio di dedicare qualche minuto alla lettura di questo sito internet che tra l'altro offre numerosi spunti e consigli sul mondo del wireless e su come non essere vittime di wardriving. Analizziamo adesso alcune delle principali informazioni alle quali si può accedere facendo uso di NetStumbler. Una volta installato, il programma andrà a disattivare automaticamente la Windows Zero Configuration. Dal menu "Device" deve essere selezionata la propria scheda di rete wireless. Una volta fatto comparirà una schermata con l'elenco degli access point rilevati e tale elenco si aggiornerà periodicamente. Potrete scegliere voi ogni quanti secondi effettuare una nuova scansione tramite la voce "Options". Nella parte di sinistra deve essere specificata la ricerca del segnale Wireless ad una velocità compresa tra 0,5 secondi e 1,5 secondi. Perché NetStumbler emetta un suono tanto più acuto quanto migliore è il rapporto segnale/rumore del segnale ricevuto, dobbiamo attivare l’apposita funzione. Si può fare attraverso la voce MIDI selezionando "Enable MIDI output of SNR".

 

Il programma ci mostra un elenco di reti con un’icona circolare. Quest'ultima può essere vuota (la rete è libera) o contenere all’interno un lucchetto (la rete è protetta). L'icona può anche assumere colori diversi a seconda dell’intensità del segnale. GRIGIO: non c’è segnale, ROSSO: segnale basso, ARANCIO: segnale medio, GIALLO: segnale buono, VERDE CHIARO: segnale molto buono, VERDE SCURO: segnale ottimo. Inoltre, per ciascun Access Point nella lista, vengono riportati i seguenti parametri: MAC, SSID, Name, Chan (indica il canale rilevato da cui sta trasmettendo il segnale Wireless ed è utile controllare questo parametro ed assicurarsi che nelle immediate vicinanze della rete analizzata non ci siano altre reti wireless che operano sullo stesso canale poiché questo potrebbe favorire interferenze e problemi quali disconnessioni frequenti), Speed (in Mbps), Vendor, Type, Encryption (WEP o WPA), SNR (intensità del segnale pari al rapporto tra il segnale reale e le perdite di segnale), Signal+, Noise-, SNR+, IP Address, Latitude, Longitude, Distance, First Seen, Last Seen, Signal (livello del segnale in dB), Noise (perdite di segnale rilevate in dB. Non è presente su tutte le schede Wireless presenti in commercio. Quindi nel caso non lo si rilevasse, non significa che non ci sono perdite di segnale).

Come ultima analisi vorrei mostrarvi uno dei risultati più interessanti che si possono ottenere facendo uso di NetStumbler. Dopo aver rilevato all'interno della lista il segnale wireless emesso dall'access point in analisi, nella sezione SSID della colonna di sinistra, si identifica il nome dell'access point e si fanno due clic sul MAC dell'access point. Si apre automaticamente una schermata che mostra il grafico del rapporto segnale rumore (SNR) in funzione del tempo. I dati che compaiono nel grafico dipendono dalla scheda Wireless che abbiamo. La zona di colore verde indica il livello del segnale. Più è alto il livello, migliore è il segnale. Idealmente infatti vorremmo che il denominatore del nostro rapporto (ovvero il rumore) fosse nullo. Questo ci garantirebbe l'assenza di disturbi e interferenze sul nostro segnale. In tal caso avremmo un SNR pari ad infinito. Naturalmente impossibile da realizzare. Stiamo parlando di un caso ideale. La zona di colore rosso invece (se tale funzione è supportata dalla scheda Wireless) indica il livello acustico. Più è grande la sua altezza, più la perdita di segnale è grande. Lo spazio fra l'altezza della zona rossa e verde è pari al rapporto segnale rumore. Il grafico sottostante, che rappresenta il rapporto segnale rumore rilevato dalla scheda di rete wireless del mio pc portatile in riferimento al segnale wireless dell'access point presente presso il mio domicilio, mostra come tale rapporto presenti valori buoni tra le 17:52 e le 17:54, valori peggiori tra le 17:54 e le 17:56 e valori nuovamente buoni tra le 17:56 e le 17:58. Nei primi e negli ultimi due minuti di test mi trovavo con il pc portatile nelle immediate vicinanze del router wireless. Nei due minuti centrali mi sono invece spostato all'interno della mia abitazione per andare in una zona opposta rispetto a quella in cui si trova l'access point. Il risultato chiaramente visibile dal grafico è un abbassamento del rapporto segnale rumore che, nel mio caso, ha coinciso con la diminuzione di velocità della connessione ad internet fino ad una definitiva disconnessione. Il tutto può essere imputato alla geografia della mia abitazione e non alla presenza di altre reti wireless nelle vicinanze che occupino lo stesso canale del mio router wireless. Nel caso si presentino invece situazioni tali da far pensare ad un conflitto tra reti wireless occupanti uno stesso canali, un tentativo di soluzione può essere fatto accedendo alla configurazione del proprio access point e modificando il canale su cui questo opera. Capite dunque quanto sia utile un applicativo come NetStumbler nel momento in cui si va a scegliere come posizionare gli access point di una rete wireless e come massimizzarne le prestazioni.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Login

Ultime notizie

Tags popolari

Nessun tag trovato.